• Mutui INPDAP


    Vuoi richiedere un mutuo INPDAP? Di seguito trovi tutte le informazioni necessarie.

    Tipologia di Mutuo

    mutuo INPDAP INPSI mutui INPDAP, o meglio i mutui erogati dall’INPS Gestione Dipendenti Pubblici ex-INPDAP, sono mutui ipotecari che vengono concessi per l’acquisto della prima casa.

    Durata

    La durata del mutuo, cioè il numero di anni in cui va restituita la somma ricevuta, può essere di 10, 15, 20, 25 o 30 anni.

    Tasso di interesse

    Possono essere richiesti mutui a tasso fisso o a tasso variabile. I tassi di interesse sono differenti nei due casi.

    • Nel caso di mutuo INPDAP a tasso fisso, dal 1/7/2015 il tasso di interesse fisso al 2,95% tutti gli anni. A partire dal 1/9/2017 è in vigore il nuovo metodo di calcolo del taso fisso, collegato a LTV e durata.
    • Nel caso invece di mutuo INPDAP a tasso variabile, il tasso è pari all’Euribor a 6 mesi calcolato su 360 giorni, maggiorato di 200 punti base, rilevato al 30 giugno o al 31 dicembre del semestre precedente ed applicato sul debito residuo a tale data. In precendeza, fino al 30/09/2015, il tasso di interesse era pari al 3,50% per il primo anno mentre, a partire dalla terza rata, il tasso diventa variabile e pari all’Euribor a sei mesi (calcolato su 360 giorni e maggiorato di 90 punti base), rilevato alle date del 30 giugno oppure del 31 dicembre del semestre precedente.

    Importo: quanto posso chiedere?

    L’importo massimo che è possibile richiedere è di 300.000 euro. Inoltre l’importo erogabile non può essere superiore al valore di perizia dell’immobile. All’atto della compravendita, il prezzo della casa non può essere inferiore all’importo richiesto con il mutuo.

    Calcolo Rata

    L’importo della rata annuale non può essere superiore alla metà del reddito annuo imponibile dell’intero nucleo familiare del richiedente, come risulta dall’ultima dichiarazione dei redditi o dall’ultimo CUD. Per sapere come effettuare il calcolo della rata, visitare la sezione “Simulazione Piano di Ammortamento“.

    Pagamento delle Rate

    Il pagamento delle rate del mutuo deve avvenire tramite MAV (Mediante Avviso) di tipo bancario o postale. Fino al 31/05/2015 i MAV precompilati venivano inviati a casa al mutuatario direttamente dall’INPS. A partire dal 01/06/2015, invece, i MAV per il pagamento delle rate del mutuo vanno scaricati direttamente online. Per farli bisogna essere registrati al sito inps.it ed essere muniti dell’apposito pin. In questo modo si possono visualizzare e stampare i MAV direttamente dall’area riservata.

    Mancato pagamento delle rate

    In caso di mancato pagamento di una rata vengono applicati gli interessi semplici di mora pari al tasso di interesse del mutuo maggiorato di due punti. Nel caso di mancato pagamento di due rate e degli interessi di mora, entro 90 giorni dalla scadenza dell’ultima rata, l’INPDAP ha la facoltà di risolvere il contratto.

    Spese aggiuntive

    Sull’importo che viene erogato con il mutuo vengono trattenute anticipatamente delle spese di amministrazione pari allo 0,50% dell’importo mutuato. In aggiunta, restano a carico del richiedente le spese per gli onorari professionali dei tecnici incaricati ad effettuare le perizie, e le spese per il compenso del notaio (comprese le spese di registrazione e copia degli atti) e le spese per l’iscrizione ipotecaria. Va aggiunto poi il costo dell’assicurazione.

    Requisiti

    Per richiedere il mutuo bisogna essere iscritti alla Gestione Dipendenti Pubblici dell’INPS.

    I mutui sono rivolti a pensionati e dipendenti pubblici con un’anzianità di iscrizione di almeno tre anni.

    Nel caso di dipendenti pubblici in attività, devono avere un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

    Il mutuo è concesso solamente per l’acquisto della prima abitazione.

    La casa per cui si richiede il mutuo deve essere ubicata sul territorio italiano.

    Essendo un mutuo per acquisto prima casa, i richiedenti (o i componenti del suo nucleo familiare) non devono possedere abitazioni in Italia, salvo alcune casistiche dettagliate nel regolamento, cioè:

    • il richiedente o i componenti del nucleo familiare non devono essere proprietari di abitazioni in misura pari o inferiore al 50% di ciascuna di esse nel caso le abbiano ricevute in successione o come donazione e queste non siano fruibili perché gravate da diritti reali di godimento (cioè usufrutto, uso e abitazione)
    • il richiedente o i componenti del nucleo familiare non devono essere proprietari di abitazioni in misura pari o inferiore al 33% di ciascuna di esse, anche se non gravate da diritti reali di godimento

    Può richiedere il mutuo anche il figlio di un dipendente o pensionato pubblico, nel caso in cui voglia creare un suo nuovo nucleo familiare.

    Può richiedere il mutuo chi, nonostante sia proprietario di una casa, ne è stato privato a seguito di una provvedimento del giudice in una causa di separazione.

    Può richiedere il mutuo anche chi è comproprietario di un appartamento, per l’acquisto delle residue quote di proprietà da soggetti estranei al proprio nucleo familiare.

    Assicurazione

    Chi richiede il mutuo deve stipulare una polizza assicurativa a copertura della responsabilità civile. L’importo minimo dell’assicurazione è di 1.000 euro. Nella polizza il valore dell’immobile da dichiarare è quello inserito nella perizia.

    Ipoteca

    Oltre all’assicurazione, a garanzia del capitale ricevuto, viene iscritta un’ipoteca volontaria di primo grado sulle unità immobiliari oggetto del finanziamento, per un valore pari a due volte l’importo ricevuto.

    Preventivo

    Per richiedere un preventivo o maggiori informazioni è possibile recarsi Direzione Provinciale INPS preposta alla Gestione Dipendenti Pubblici ex-INPDAP della propria città. Per maggiori dettagli consultare la sezione “Sedi INPS Gestione ex-INPDAP”.

    Richiesta

    La richiesta del mutuo INPS per i dipendenti e pensionati pubblici ex-INPDAP va effettuata in periodi precisi. La domanda, insieme a tutta la documentazione richiesta opportunamente compilata, va infatti inviata dal 1 al 10 gennaio, dal 1 al 10 maggio o dal 1 al 10 settembre di ogni anno.

    Domanda: a chi rivolgersi?

    La richiesta per ottenere il mutuo può essere effettuata solamente per via telematica, come è stato stabilito dalla Determinazione Presidenziale n. 95/2012

    Graduatorie

    Solitamente vengono accolte tutte le domande di mutuo che rispettino i requisiti previsti. Tuttavia se ci sono dei limini nel budget che l’Ente può erogare sotto forma di mutuo, vengono istituite delle apposite graduatorie, come previsto dall’articolo 13 del Regolamento. I criteri per la determinazione delle posizioni in graduatoria tengono conto della composizione del nucleo familiare e del reddito imponibile. Si possono consultare le graduatorie in questa sezione del sito inps.it selezionando nel menu a sinistra la propria Regione e Città.

    Surroga

    Secondo l’articolo 20 del Regolamento è possibile richiedere la surroga del mutuo.

    Rinegoziazione

    L’articolo 23 del Regolamento prevede la possibilità di rinegoziare il mutuo in merito al capitale residuo solo nei casi di grave malattia del mutuatario che ne abbia ridotto le capacità economiche o in caso di decesso del mutuatario.

    Sospensione

    L’articolo 25 del Regolamento prevede che possa essere richiesta la sospensione del pagamento per un massimo due rate e solamente nel caso di grave malattia del mutuatario che ne abbia ridotto la capacità economica, in caso di decesso del mutuatario o di perdita del lavoro o messa in cassa integrazione del coniuge non iscritto all’INPDAP.

    Successione in caso di morte

    Nel caso in cui il mutuatario (cioè la persona che usufruisce del mutuo) muoia, è consentita l’erogazione del mutuo al coniuge superstite.

    Documentazione e Modulistica

    Guida per la compilazione della domanda telematica

    Regolamento

    Il nuovo regolamento per l’erogazione dei mutui ipotecari agli iscritti alla Gestione ex INPDAP è entrato in vigore in data 1 ottobre 2015 ed è valido anche per gli anni 2016, 2017, 2018, 2019. Per il testo completo consultare la sezione “Regolamento Mutui INPDAP“.

    Il vecchio regolamento (“Regolamento per l’erogazione di mutui ipotecari agli iscritti alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali istituita presso l’I.N.P.D.A.P.”), in vigore dal 1 ottobre 2011 al 30 settembre 2015, è consultabile in pdf qui.