• Bando di Concorso Valore Vacanza 2015 INPDAP


    INPDAP bando Valore Vacanza 2015Giovedì 5 marzo 2015 l’INPS ha pubblicato online il bando di concorso 2015 per Valore Vacanza, i soggiorni studio in Italia e all’estero riservati ai figli degli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, dei pensionati della Gestione dipendenti pubblici, degli iscritti alla Gestione fondo IPOST e degli assistiti IPA (Istituto di Previdenza e Assistenza per i dipendenti di Roma Capitale).

    La domanda per poter partecipare alle vancaze studio INPDAP per la stagione estiva 2015 deve essere presentata nel periodo compreso tra il 12 marzo 2015 alle ore 12.00 e il 10 aprile 2015 alle ore 12.00.

    Riportiamo di seguito il testo completo del bando di concorso con tutte le informazioni utili per partecipare.

    BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA 2015

    SOGGIORNI A TEMA IN ITALIA – SOGGIORNI STUDIO ALL’ESTERO STAGIONE 2015

    Premessa

    Nell’ambito delle prestazioni sociali in favore dei dipendenti e pensionati pubblici e dei loro familiari, previste ai sensi dell’articolo 1, punto c), del Decreto Ministeriale 28 luglio 1998 n. 463, l’Inps indice annualmente un bando di concorso per la partecipazione a soggiorni estivi di vacanza e di studio in Italia e all’estero.

    I soggiorni in Italia sono rivolti ai giovani di età compresa tra i sette e i quattordici anni. Essi si svolgono presso strutture turistiche e sono dedicati alla valorizzazione della pratica sportiva, della danza, della musica, del teatro, dell’educazione ambientale, della conoscenza e studio della lingua inglese, delle abilità informatiche nonché delle abilità manuali.

    I soggiorni all’estero sono rivolti ai giovani di età compresa tra i quindici e i diciassette anni. Essi si svolgono esclusivamente presso college e campus stranieri e sono dedicati allo studio di una lingua straniera scelta tra inglese, francese, spagnolo e tedesco, anche attraverso attività culturali ed escursioni.

    I soggiorni sono organizzati da operatori turistici qualificati con esperienza nel settore dell’organizzazione di viaggi e nei temi caratterizzanti ciascuna tipologia di soggiorno, selezionati attraverso una specifica procedura di accreditamento loro rivolta.

    I soggiorni si rivolgono a studenti, figli o orfani ed equiparati dei dipendenti e dei pensionati della Pubblica Amministrazione iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, di pensionati utenti della Gestione Dipendenti pubblici, di iscritti alla Gestione Fondo Ipost e degli assistiti IPA (Istituto di Previdenza e Assistenza per i dipendenti di Roma Capitale); questi ultimi possono essere iscritti contemporaneamente anche alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. L’iniziativa è finanziata dal Fondo della Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali per tutti gli iscritti alla gestione medesima e per gli utenti pensionati della Gestione dipendenti pubblici, dal Fondo IPOST per tutti gli iscritti alla Gestione Fondo IPOST e, nel caso di assistiti IPA non iscritti alla predetta Gestione unitaria, da IPA, unitamente agli iscritti ad IPA e alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali che non si sono collocati in posizione utile. Quest’ultima usufruisce del modello gestionale utilizzato da INPS per l’erogazione di soggiorni tematici e di studio, mediante sottoscrizione di un protocollo d’intesa.

    Articolo 1 – Soggetti del concorso

    1. All’interno del presente bando sono previste tre distinte figure: il titolare del diritto, il beneficiario, il richiedente.

    2. Il titolare del diritto è individuato tra i seguenti soggetti:
    a) il dipendente e il pensionato della Pubblica Amministrazione iscritto alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali;
    b) il pensionato utente della Gestione Dipendenti Pubblici;
    c) il dipendente e il pensionato iscritto alla Gestione Fondo IPOST;
    d) il dipendente e il pensionato assistito IPA.
    3. Il beneficiario è il giovane studente destinatario della prestazione, come individuata all’art.2, commi 2 e 3, figlio o orfano del titolare del diritto e loroequiparati ai sensi dei successivi commi 4 e 5.

    4. Sono equiparati ai figli, i giovani regolarmente affidati;

    5. Sono equiparati agli orfani, i figli di iscritto riconosciuto permanentemente inabile a qualsiasi attività lavorativa;

    6. Il richiedente, ovvero colui che presenta la domanda di partecipazione al concorso, è individuato tra i seguenti soggetti:

    a) il titolare del diritto in qualità di genitore del beneficiario;
    b) il coniuge del titolare, in caso di titolare deceduto e senza diritto alla pensione di reversibilità del coniuge stesso, in qualità di “genitore superstite” e il coniuge del titolare privo di potestà genitoriale, in qualità di “genitore richiedente”;
    c) il tutore del figlio o dell’orfano del titolare del diritto.

    Articolo 2 – Oggetto del concorso

    1. I soggiorni oggetto del concorso, di cui al comma 4, sono progettati per quattro fasce di età, due per i soggiorni da svolgersi in Italia e due per i soggiorni da svolgersi all’estero, così come di seguito specificato.

    2. Soggiorni tematici in Italia:
    a) Italia junior – per giovani nati tra il 1° gennaio 2004 e il 31 dicembre 2008.
    Durata dei soggiorni, a scelta, tra:
    – otto giorni e sette notti “tutto compreso”;
    – quindici giorni e quattordici notti “tutto compreso” nel periodo tra il penultimo sabato del mese di giugno ed il 31 agosto 2015;

    b) Italia senior – per giovani nati tra il 1° gennaio 2001 e il 31 dicembre 2003.
    Durata dei soggiorni:
    – quindici giorni e quattordici notti “tutto compreso” nel periodo tra il penultimo sabato del mese di giugno ed il 31 agosto 2015.

    3. Soggiorni studio all’estero:
    a) Europa junior – per giovani nati tra il 1° gennaio 1999 e il 31 dicembre 2000. Durata dei soggiorni:
    – quindici giorni e quattordici notti, “tutto compreso” nel periodo tra il penultimo sabato del mese di giugno ed il 31 agosto 2015;
    b) Europa senior – per giovani nati tra il 1° settembre 1997 e il 31 dicembre 1998 e per i giovani di cui al successivo comma 4. Durata dei soggiorni, a scelta, tra:
    – quindici giorni e quattordici notti, “tutto compreso”;
    – quattro settimane “tutto compreso” nel periodo tra il penultimo sabato del mese di giugno ed il 31 agosto 2015.

    4. I posti messi a concorso, per ciascuna fascia di età e per ciascuna gestione di appartenenza, sono:
    Italia junior
    – Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali: n. 3.300.
    – Gestione Fondo IPOST: n. 170.
    – Assistiti dall’Istituto di Previdenza e Assistenza per i dipendenti di Roma Capitale: n. 30.

    Italia senior
    – Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali: n. 7.200.
    – Gestione Fondo IPOST: n. 400.
    – Assistiti dall’Istituto di Previdenza e Assistenza per i dipendenti di Roma Capitale: n. 50.

    Europa junior
    – Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali: n. 12.500.
    – Gestione Fondo IPOST: n. 195.
    – Assistiti dall’Istituto di Previdenza e Assistenza per i dipendenti di Roma Capitale: n. 70.

    Europa senior
    – Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali: n. 9.000.
    – Gestione Fondo IPOST: n. 130.
    – Assistiti dall’Istituto di Previdenza e Assistenza per i dipendenti di Roma Capitale: n. 50.

    5. Possono inoltre partecipare al concorso, i giovani disabili, come definiti ai sensi dell’art. 3, comma 3, della legge 104/92 o i giovani invalidi civili al 100% con o senza indennità di accompagnamento, nati dal 1° settembre 1995.

    6. A parziale deroga di quanto previsto ai commi 2 e 3, i giovani disabili, come definiti ai sensi dell’art. 3, commi 1 e 3, della legge 104/92, o i giovani invalidi civili al 100% con o senza indennità di accompagnamento, possono partecipare a fasce di soggiorno previsti per giovani di minore età.

    Articolo 3 – Requisiti di ammissione al concorso

    1. Possono partecipare al concorso i giovani di cui all’art.1, comma 3 che abbiano conseguito la promozione senza recupero di debiti formativi nell’anno scolastico 2013/14.

    2. Il requisito di cui al comma 1 non è richiesto nei confronti dei giovani disabili come definiti ai sensi dell’art. 3, comma 1, della legge 104/1992, dei giovani disabili gravi, come definiti ai sensi dell’art. 3, comma 3, della legge 104/1992 e nei confronti dei giovani con invalidità civile al 100%, con o senza diritto all’indennità di accompagnamento.

    3. Il requisito di cui al comma 1 non è, inoltre, richiesto nei confronti dei giovani nati tra il 1° gennaio 2004 e il 31 dicembre 2008 che partecipano al concorso per i soggiorni “Italia junior”.

    4. Non possono partecipare al concorso i giovani che durante le precedenti edizioni del bando – stagioni 2011, 2012, 2013 e 2014- siano stati destinatari di provvedimento di rientro anticipato per motivi disciplinari.

    Articolo 4 – La domanda di iscrizione in banca dati e la richiesta del PIN

    1. Prima di procedere alla compilazione della domanda, occorre essere iscritti in banca dati, ossia essere riconosciuti dall’Istituto come “richiedenti” della prestazione. L’INPS è in possesso dei dati anagrafici relativi ai titolari del diritto. Altri “soggetti richiedenti” previsti dal presente bando potrebbero non essere registrati nella banca dati dell’Istituto e, pertanto, dovranno preventivamente presentare richiesta d’iscrizione nella predetta banca dati.

    2. La domanda di iscrizione in banca dati, compilabile tramite il modulo “Iscrizione in banca dati” prelevabile dalla sezione “Modulistica”, all’interno del sito www.inps.it, deve essere presentata dal richiedente alla Sede Provinciale INPS competente per territorio, attraverso i canali di seguito elencati:
    – recandosi direttamente presso la sede provinciale competente per territorio;
    – inviando, a mezzo posta elettronica certificata, all’indirizzo pec della sede provinciale competente per territorio, copia digitalizzata del modulo “iscrizione in banca dati”, debitamente compilato;
    – inviando, a mezzo posta elettronica, all’indirizzo mail della sede provinciale competente per territorio, copia digitalizzata del modulo “iscrizione in banca dati”, debitamente compilato, e copia del documento di identità in corso di validità;
    – inviando, tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, il modulo “iscrizione in banca dati”, debitamente compilato, allegando copia del documento di identità in corso di validità;
    – trasmettendo, via fax, al numero della sede provinciale competente per territorio, copia del modulo “iscrizione in banca dati”, debitamente compilato, allegando copia del documento d’identità in corso di validità.

    3. Indirizzi, numeri di fax, caselle di posta elettronica cui inviare i predetti moduli sono reperibili sul sito www.inps.it Area dedicata Gestione Dipendenti Pubblici nella sezione “Contatti”/Sedi Provinciali e Territoriali.

    4. Per la presentazione della domanda di partecipazione al concorso è necessario da parte del soggetto richiedente il possesso di un “PIN”, utilizzabile per l’accesso a tutti i servizi in linea messi a disposizione dall’Istituto. Il PIN è un codice univoco identificativo personale che rileva l’identità del richiedente.

    Il Pin si può richiedere:
    a) on line, accedendo al sito istituzionale www.inps.it, nella sezione “Come fare per”, alla voce “Ottenere e gestire il PIN”, di seguito, nel menù a sinistra, “Richiedere e attivare il PIN” – “Richiedi il tuo PIN“;
    b) tramite il contact center;
    c) presso gli sportelli delle Sedi INPS.
    Per ottenere il PIN, tramite la procedura on line o tramite il contact center, occorrono alcuni giorni. Pertanto, chi ne fosse sprovvisto deve provvedere tempestivamente. L’Istituto non sarà responsabile per il mancato invio della domanda da parte di utenti che non hanno ottenuto il PIN in tempo utile.

    5. Una volta ottenuto il PIN, è possibile accedere ai servizi dal sito internet istituzionale www.inps.it – Servizi on line – Servizi per il cittadino.

    6. Per presentare domanda on line di partecipazione al concorso è sufficiente essere in possesso di un “PIN on line”; non è richiesto il possesso di un “PIN dispositivo”.

    7. Per tutte le informazioni relative al PIN, è possibile selezionare la voce di menù “PIN on line”, nella sezione “Servizi on line” presente sul portale del sito istituzionale www.inps.it.

    Articolo 5– Attestazione ISEE

    1. Il richiedente la prestazione, all’atto della presentazione della domanda, deve aver presentato la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per la determinazione dell’ISEE ordinaria o ISEE minorenni con genitori non coniugati tra loro e non conviventi, qualora ne ricorrano le condizioni ai sensi delle vigenti disposizioni. L’attestazione ISEE è rilasciata dall’INPS o dagli Enti Convenzionati (Caf, Comuni, etc.) previa presentazione della predetta Dichiarazione Sostitutiva Unica da parte del richiedente.

    2. L’attestazione ISEE riferita al nucleo familiare in cui compare il beneficiario è obbligatoria per determinare la posizione in graduatoria e il contributo a carico della famiglia, come descritto all’art.11 del presente bando.

    3. Nel caso sia già stata emessa un’attestazione ISEE 2015, riferita al nucleo familiare in cui compare il beneficiario, non sarà necessario richiedere una nuova attestazione. Vista l’abrogazione della previgente normativa in materia di ISEE, tutte le attestazione ISEE elaborate nell’anno 2014 sono scadute il 31/12/2014. L’utente, in tali casi, deve richiedere la certificazione ISEE 2015. Il valore dell’attestazione ISEE è acquisito automaticamente dall’INPS.

    4. Qualora, in sede di istruttoria della domanda, il sistema non rilevi la presentazione di una valida dichiarazione sostitutiva unica alla data di inoltro della domanda, la stessa sarà respinta.

    5. L’Istituto non si assume alcuna responsabilità, nel caso di mancata trasmissione telematica dell’attestazione ISEE da parte degli Enti convenzionati o di erronea trascrizione del codice fiscale del beneficiario o dei componenti del nucleo familiare all’interno della medesima attestazione.

    6. L’acquisizione della certificazione ISEE potrà essere verificata all’interno della procedura, nell’area riservata dei Servizi on line, attraverso la funzione “Segui iter domanda”, dove comparirà la dicitura “ISEE certificato”. Si ricorda che dal giorno della sua elaborazione alla data della sua certificazione, potranno trascorrere anche due settimane.

    Articolo 6 – La domanda di partecipazione al concorso – Termini e modalità di invio telematico

    1. La domanda deve essere presentata dal soggetto richiedente la prestazione, come individuato dall’art. 1, comma 6, esclusivamente per via telematica, accedendo dalla home page del sito internet istituzionale www.inps.it nell’area Servizi on line e di seguito, dal menù a sinistra, Servizi per il cittadino o Servizi ex Inpdap. Accedendo all’area riservata al richiedente, tramite codice fiscale e PIN, è possibile effettuare le successive scelte: per aree tematiche – attività sociali o, in alternativa, per ordine alfabetico, o, in alternativa, per tipologia di servizio – domande – Valore Vacanza – domanda. Selezionando la voce “Inserisci domanda”, sarà visualizzato il modulo da compilare, in cui compaiono già i dati identificativi del soggetto richiedente. Dovranno necessariamente essere inseriti recapiti telefonici mobili e di posta elettronica (email) al fine di consentire e agevolare le comunicazioni da parte dell’Istituto.

    2. Il sistema, all’atto della presentazione della domanda di prestazione in favore del beneficiario, individua in automatico la tipologia di soggiorno prevista in relazione alla fascia di età del partecipante al concorso.

    3. In caso sia presente più di un partecipante all’interno dello stesso nucleo familiare è necessario che il richiedente presenti una domanda per ciascuno di essi.

    4. Per il giovane disabile, come definito ai sensi dell’art. 3, commi 1 e 3, della legge 104/92 e per il giovane con invalidità civile al 100%, con o senza diritto all’indennità di accompagnamento, sarà possibile scegliere, attraverso una specifica funzione in sede di presentazione della domanda, tipologie di soggiorno rivolte a partecipanti ricompresi in fasce di età inferiori, ritenute dalla famiglia più adeguati per abilità e attitudini.

    5. Per i giovani di cui al comma precedente è possibile richiedere, all’atto di presentazione della domanda, che l’interessato sia assistito, durante il viaggio ed il soggiorno, da un operatore specializzato, con costi a carico dell’Istituto. In casi di particolare gravità è possibile richiedere che l’interessato sia assistito da due o anche da tre operatori specializzati, con costi a carico dell’Istituto che, in tali casi, potrà vagliare la gravità. Tale funzione di assistenza non può essere svolta da familiari e affini del partecipante al soggiorno. Richieste presentate al di fuori della domanda di partecipazione non saranno prese in considerazione.

    6. L’accoglimento della richiesta e il numero di assistenti ammessi saranno comunicati al richiedente la prestazione all’indirizzo di posta elettronica fornito all’atto della domanda, almeno 10 giorni prima della partenza.

    7. Per il giovane disabile, come definito ai sensi dell’art. 3, commi 1 e 3, della legge 104/92 e per il giovane con invalidità civile al 100%, con o senza diritto all’indennità di accompagnamento, dovrà essere indicato se lo stesso deambula in modo autonomo.

    8. Ai fini della formazione delle graduatorie, ai sensi dell’art. 11, nella domanda dovranno essere indicate tutte le materie oggetto di studio nell’anno scolastico 2013/14 con il relativo voto ottenuto ad esclusione della materia “religione”. Dovranno inoltre essere compilati tutti i campi identificativi del relativo ciclo di studi frequentato lo scorso anno e quelli identificati dell’Istituto scolastico.

    9. Dopo l’invio telematico della domanda, l’Istituto trasmetterà una ricevuta di conferma, all’indirizzo email indicato nell’istanza medesima. La domanda inviata è immediatamente visualizzabile attraverso la funzione “Visualizza domande inserite”, all’interno dell’area riservata. Una volta inviata la domanda, è opportuno effettuare la predetta visualizzazione per verificare l’esattezza dei dati inseriti e l’avvenuta trasmissione della domanda medesima.

    10. La domanda inviata e con numero di protocollo assegnato non è modificabile; pertanto, per correggere ogni eventuale errore, sarà necessario inviare una nuova domanda. L’Istituto istruirà soltanto l’ultima domanda ricevuta entro il termine di scadenza di presentazione previsto dal presente bando.

    11. È possibile monitorare lo stato di lavorazione della domanda selezionando, all’interno della sezione “Valore Vacanza – domanda”, la voce di menù “Segui iter domanda”, presente all’interno della predetta area riservata.

    12. In caso di particolari difficoltà nell’utilizzo della procedura telematica per l’invio della domanda, non superabili attraverso gli ordinari strumenti di supporto messi a disposizione dall’Istituto (guida alla compilazione della domanda, assistenza telefonica tramite Contact Center, etc.) e non riconducibili a problematiche relative al PIN o alla regolare iscrizione in banca dati, il richiedente può presentare la domanda attraverso il servizio di Contact Center al numero 803164 gratuito da telefono fisso e 06 164 164 a pagamento da rete mobile, al costo della tariffa del proprio operatore.

    13. Sarà, inoltre, reso disponibile on line, il Manuale Valore Vacanza – Domanda, per il corretto utilizzo della procedura di invio telematico.

    14. Le domande devono essere trasmesse dal richiedente la prestazione, come individuato ai sensi dell’art.1, comma 6 del presente bando, a decorrere dalle ore 12.00 del 12 marzo 2015 e non oltre le ore 12.00 del giorno 10 aprile 2015.

    Articolo 7 – Graduatorie – Criteri di ammissione al soggiorno

    1. L’Istituto predispone quattro graduatorie, in relazione alle diverse fasce di età e alle destinazioni dei soggiorni, come di seguito indicato:
    a)graduatoria relativa ai soggiorni di cui all’art. 2, comma 2, lett. a) – Italia junior;
    b)graduatoria relativa ai soggiorni di cui all’art. 2, comma 2, lett. b) – Italia senior;
    c) graduatoria relativa ai soggiorni di cui all’art. 2, comma 3, lett. a) – Europa junior;
    d)graduatoria relativa ai soggiorni di cui all’art. 2, comma 3, lett. b) – Europa senior

    2. Le graduatorie sono redatte, attraverso procedura informatizzata, sulla base della media matematica dei voti conseguiti nell’anno scolastico 2013/2014 in ordine decrescente e, per ciascuno di questi valori, sulla base del valore crescente di indicatore ISEE 2015 relativo al nucleo familiare in cui compare il giovane partecipante al concorso.

    3. La media matematica dei voti conseguiti nell’anno scolastico 2013/2014 viene calcolata sulla base dei voti, per ciascuna disciplina studiata, indicati in sede di domanda, con esclusione della materia “religione” che, anche se studiata, non deve essere indicata.

    4. In caso di parità di punteggio conseguito, sarà preferito il giovane di età anagrafica maggiore.

    5. Gli orfani e loro equiparati, come definiti all’art. 1, commi 4 e 5, hanno diritto di precedenza in graduatoria, in caso di parità di media scolastica, a prescindere dal valore dell’ indicatore ISEE. In caso di parità di media scolastica tra più orfani e loro equiparati, si terrà conto, ai fini della graduatoria, del valore crescente di indicatore ISEE e, a parità di ISEE, sarà preferito il giovane di età anagrafica maggiore.

    6. Hanno priorità assoluta i seguenti beneficiari:
    a) giovani disabili, come definiti ai sensi dell’art. 3, comma 3, della legge 104/92;
    b) giovani disabili, come definiti ai sensi dell’art. 3, comma 1, della legge 104/92;
    c) giovani invalidi civili al 100% con o senza diritto all’indennità di accompagnamento.
    In caso di più beneficiari tutti appartenenti alle predette categorie, l’ordine di priorità è stabilito in base al valore di indicatore ISEE crescente e, in caso di parità del predetto valore, per età anagrafica decrescente.

    7. Ai partecipanti al concorso figli, orfani ed equiparati di assistiti IPA, non iscritti alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, classificatisi in posizione utile nelle rispettive graduatorie di cui al comma 1, sarà assegnato il soggiorno con costi a carico IPA e nei limiti di posti previsti dal predetto Istituto.

    8. Ai partecipanti al concorso figli, orfani ed equiparati di assistiti IPA, iscritti o meno alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, non classificatisi in posizione utile nelle rispettive graduatorie di cui al comma 1, sarà comunque assegnato il soggiorno con costi a carico IPA e nei limiti di posti previsti dal predetto Istituto.

    Articolo 8 – Graduatorie – Pubblicazione

    1. Le graduatorie di cui all’art. 7, comma 1, saranno pubblicate sul sito internet istituzionale www.inps.it, nella specifica sezione riservata al concorso.

    2. L’esito del concorso potrà essere visualizzato accedendo alla sezione Servizi in linea, all’interno della procedura “Valore Vacanza – Domanda”.

    3. L’esito del concorso sarà, inoltre, comunicato a tutti i vincitori con messaggio inviato all’indirizzo di posta elettronica o mediante sms al numero di telefono mobile, indicati nella domanda di partecipazione.

    Articolo 9 – Scelta del soggiorno

    1. A seguito della pubblicazione delle graduatorie, sarà reso disponibile sul sito internet istituzionale www.inps.it, nell’area dedicata, accessibile attraverso la funzione “servizi on line”, il Catalogo delle Opportunità, in cui sono visualizzabili i soggiorni accreditati da INPS, oggetto del concorso. Di ogni soggiorno saranno indicati il soggetto organizzatore, la destinazione, le caratteristiche della struttura o del college di destinazione, la fascia di utenza, il costo, le date e i luoghi di partenza, i contenuti e le tematiche che caratterizzano il soggiorno o la lingua straniera oggetto di studio e la durata del soggiorno medesimo.

    2. A seguito della pubblicazione del Catalogo delle Opportunità, sarà possibile effettuare la scelta del soggiorno, accedendo al sito internet istituzionale www.inps.it, attraverso la funzione “Scelta preferenze vacanza”. A tal fine, l’Istituto comunicherà, tramite pubblicazione sul sito internet, sms e email il termine a partire dal quale ed entro il quale effettuare la scelta medesima.

    3. Ciascun richiedente, entro il termine di cui al comma 2, dovrà procedere alla scelta di almeno uno e fino ad un massimo di cinque soggiorni, identificati per luogo, data di partenza, struttura di destinazione e costo. Le scelte verranno registrate dal sistema informatico secondo l’ordine di priorità indicato.

    4. Dopo aver selezionato una o più destinazioni e prima di effettuare l’invio, è necessario procedere con il salvataggio dei dati attraverso la funzione “salva” in calce alla medesima pagina. In mancanza di tale salvataggio, la richiesta perverrà priva di scelte e comporterà, in automatico, l’esclusione dalla partecipazione al concorso ai sensi del comma 5. A conclusione dell’operazione, sarà visualizzabile un messaggio di conferma del corretto salvataggio dei dati.

    5. Qualora il sistema non rilevi almeno una preferenza entro i termini stabiliti e comunicati con le modalità di cui ai commi 2 e 3, il partecipante al concorso verrà considerato “rinunciatario”, con automatica esclusione dello stesso dal concorso e, quindi, dall’assegnazione del soggiorno e da eventuali ripescaggi.

    Articolo 10 – Assegnazione del soggiorno – Procedura

    1. L’assegnazione del soggiorno avviene in automatico a cura del sistema informatico dell’Istituto, secondo la procedura indicata ai commi successivi.

    2. Il sistema informatico assegna automaticamente ogni beneficiario al primo soggiorno disponibile, secondo l’ordine di preferenza da questi indicato in fase di scelta e in base al posizionamento nella relativa graduatoria.

    3. Nel caso in cui il primo soggiorno sia indisponibile per superamento del limite massimo di capienza offerto dall’operatore turistico, o qualora la struttura/turno di soggiorno prescelto non sia stato attivato per quanto disposto dal successivo comma 5, il beneficiario sarà assegnato al secondo soggiorno e così di seguito, secondo l’ordine di preferenza indicato, fino all’assegnazione di un soggiorno tra quelli prescelti.

    4. Nel caso in cui non sia disponibile alcuno tra i soggiorni prescelti, il beneficiario sarà assegnato d’ufficio ad altra destinazione tra quelle di cui al Catalogo delle Opportunità, tenendo conto, per quanto possibile, delle seguenti indicazioni:
    a) il/i centro/i di raccolta o aeroporti di partenza prescelti;
    b) il periodo di partenza indicato in sede di prima opzione
    c) della lingua di studio prescelta nel caso di soggiorni all’estero.

    5. Qualora non si raggiunga, per uno o più soggiorni, il numero minimo di partecipanti previsto, definito in n. 50 partecipanti per i soggiorni in Italia, n. 80 partecipanti per i soggiorni all’estero per lo studio della lingua inglese, n. 50 partecipanti per i soggiorni all’estero per lo studio della lingua francese, spagnola o tedesca, la fase di assegnazione del soggiorno è riavviata in automatico, con le modalità indicate ai commi precedenti, eliminando progressivamente, a partire dal soggiorno che ha registrato meno preferenze, il/i soggiorno/i per il/i quale/i non si è raggiunto il numero minimo previsto e sino alla definitiva assegnazione.

    6. L’assegnazione definitiva del soggiorno sarà pubblicata sul sito internet istituzionale www.inps.it, accedendo dall’area riservata all’interno della sezione “Valore Vacanza – domanda”, alla voce di menù “Segui iter domanda”. L’assegnazione del soggiorno non è modificabile per alcun motivo.

    7. I giovani non collocatisi in posizione utile in graduatoria potranno essere assegnatari di soggiorni, in caso di scorrimento della rispettiva graduatoria a seguito di intervenute rinunce.

    Articolo 11 – Accettazione del soggiorno – Contributo a carico del richiedente

    1. Al richiedente la prestazione in favore del giovane cui è stato assegnato il soggiorno ai sensi dell’art. 10, verrà inviato un messaggio all’indirizzo di posta elettronica o un sms al numero di telefono mobile, indicati nella domanda di partecipazione, con il quale sarà comunicata l’ammissione al soggiorno stesso e sarà contestualmente richiesto un contributo alle spese. Nella comunicazione saranno indicate le modalità e il termine entro il quale deve essere effettuato il pagamento.

    2. Il pagamento del contributo, entro i termini indicati nel predetto avviso, ha valore di accettazione e di conferma di partecipazione al soggiorno.

    3. Il contributo alle spese di cui al comma 1 è calcolato sulla base del costo effettivo del soggiorno assegnato, così come indicato nel Catalogo delle Opportunità di cui all’art. 9, comma 1, secondo la seguente tabella:

    Valore ISEE % sul costo del soggiorno
    Inferiore a € 8.000,00 12%
    Da € 8.000,01 a € 12.000,00 15%
    Da € 12.000,01 a € 16.000,00 18%
    Da € 16.000,01 a € 20.000,00 21%
    Da € 20.000,01 a € 24.000,00 24%
    Da € 24.000,01 a € 28.000,00 27%
    Da € 28.000,01 a € 32.000,00 30%
    Da € 32.000,01 a € 36.000,00 33%
    Da € 36.000,01 a € 44.000,00 36%
    Da € 44.000,01 a € 56.000,00 40%
    Da € 56.000,01 a € 72.000,00 45%
    Da € 72.000,01 a € 92.000,00 50%
    Da € 92.000,01 a € 300.000,00 55%
    Superiore a € 300.000,01 60%



    4. Il pagamento del contributo può essere effettuato a mezzo “incasso domiciliato”, con codice univoco, presso qualsiasi Ufficio Postale oppure con carta di credito, attraverso il Portale dei pagamenti, accessibile dal sito internet istituzionale www.inps.it – Servizi online – Portale dei pagamenti.

    5. Attraverso la funzione “Segui iter domanda” è possibile:
    – visualizzare il codice univoco corrispondente all’importo calcolato sulla base del valore ISEE del nucleo familiare in cui è presente il beneficiario e del costo del soggiorno assegnato, come indicato nel precedente comma 3;
    – scaricare il modulo pre-compilato per effettuare il pagamento con “incasso domiciliato” presso lo Sportello Postale entro il termine di scadenza del medesimo incasso. Il costo dell’operazione è pari a 1,30 euro a carico dell’utente. Il costo della commissione bancaria, per il pagamento con carta di credito attraverso il Portale dei pagamenti on line INPS, è pari al 1,190 % del contributo a carico del richiedente.

    6. Nel caso di mancato pagamento del contributo alle spese nei termini previsti, il beneficiario sarà considerato “rinunciatario” e si procederà all’annullamento automatico della prenotazione, con conseguente assegnazione del soggiorno divenuto disponibile in favore di altro giovane, secondo l’ordine di graduatoria.

    7. Alcuni soggiorni potrebbero prevedere un costo aggiuntivo ad esclusivo carico del richiedente la prestazione, da versare direttamente all’operatore turistico. I soggiorni per i quali è previsto tale onere aggiuntivo sono specificamente indicati nella scheda descrittiva della struttura all’interno del Catalogo delle Opportunità di cui all’art. 9, comma 1.

    Articolo 12 – La partenza e il soggiorno

    1. Il luogo di partenza e di rientro è previsto presso il capoluogo di regione di residenza del beneficiario, o presso eventuale altro capoluogo di regione indicato in fase di scelta.

    2. Il giorno previsto per la partenza, ciascun partecipante dovrà presentare la propria tessera sanitaria e un documento di riconoscimento in corso di validità e, in caso di soggiorno all’estero, valido per l’espatrio.

    3. L’Istituto declina ogni responsabilità per mancate partenze dovute a documenti scaduti o non validi per l’espatrio e non procederà, in detti casi, al rimborso, neanche parziale, del contributo versato.

    4. Ove si ritenga opportuno comunicare patologie sanitarie, disabilità o prescrizioni farmacologiche da garantire durante il soggiorno, sarà necessario fornire, in busta chiusa, la relativa documentazione medico-sanitaria, da consegnare prima della partenza al personale di assistenza incaricato dall’operatore turistico.

    5. L’Istituto si riserva, in caso di violazioni di legge o di regolamenti della struttura ospitante o, comunque, di comportamenti non consoni alle normali regole di convivenza civile, di interrompere il soggiorno, comunicando al richiedente le motivazioni e le modalità di rientro e di accompagnamento del giovane, con costi integralmente a carico del richiedente stesso.

    6. Per motivi logistici e/o organizzativi o per causa di forza maggiore, le date di partenza, pubblicate nel Catalogo delle Opportunità, potrebbero subire variazioni che saranno tempestivamente comunicate al richiedente ai recapiti da questi forniti all’atto della domanda.

    7. L’Istituto si riserva la facoltà di annullare o modificare l’organizzazione dei programmi previsti per cause di forza maggiore o eventi che comportino rischi per la sicurezza dei partecipanti.

    Articolo 13 – Rinunce – Diritto al rimborso

    1. L’Istituto procederà al rimborso del 50% del contributo versato in caso di rinuncia al soggiorno, successiva al versamento del contributo predetto. La rinuncia al soggiorno, con contestuale richiesta di rimborso, dovrà essere inserita all’interno della procedura attraverso la funzione “Segui iter domanda”, entro 15 giorni dalla mancata partenza, indicando il nominativo dell’intestatario del conto corrente bancario/postale, codice fiscale del medesimo e codice IBAN, pena la perdita del diritto al rimborso medesimo.

    2. L’Istituto procederà, altresì, al rimborso del 50% del contributo versato nel caso in cui il giovane, per gravi motivi, debba lasciare il soggiorno entro la prima metà del periodo di permanenza. Sono considerati gravi motivi lutti familiari o condizioni sanitarie ostative alla prosecuzione del soggiorno, accertate dal medico presente presso la struttura ospitante.

    Articolo 14 – Accertamenti e sanzioni

    1. Ai sensi dell’art. 71 comma 1, del DPR 445/2000, l’Istituto eseguirà controlli, anche a campione e in tutti i casi in cui vi siano dubbi sulla veridicità delle dichiarazioni rese dal richiedente in autocertificazione e/o dichiarazione sostitutiva. Ove risultassero dichiarazioni mendaci, falsità negli atti, uso o esibizioni di atti falsi o contenenti dati non corrispondenti a verità, i dichiaranti incorreranno nelle previste sanzioni penali.

    2. Ai sensi dell’art.34, commi 5 e 6, della legge 4 novembre 2010, n. 183, l’Agenzia delle Entrate procede con l’individuazione di eventuali difformità o omissioni dei dati autocertificati all’interno della DSU in sede di rilascio dell’attestazione ISEE, rispetto a quelli presenti nel sistema informativo dell’anagrafe tributaria, applicando le previste sanzioni.

    3. Nel casi di cui ai precedenti commi, l’Istituto procederà alla revoca del soggiorno.

    4. L’eventuale certificazione relativa ai requisiti di cui alla legge 5 febbraio 1992, n. 104, sarà verificata d’ufficio attraverso le banche dati dell’Istituto.

    Articolo 15 – Ricorsi

    1. Eventuali ricorsi amministrativi dovranno essere presentati, entro 10 giorni dalla pubblicazione della graduatoria, agli uffici di seguito indicati:
    a) per la Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, alla sede provinciale INPS competente per territorio, in relazione alla residenza del giovane concorrente;
    b) per la Gestione Fondo IPOST, al “Coordinamento della Gestione speciale di previdenza del Gruppo Poste Italiane SpA e ASDEP”, via Ciro il Grande 21, 00144 Roma;
    c) per l’IPA, all’Istituto medesimo, Via Francesco Negri, 11 – 00154 Roma.

    2. Per eventuali controversie giudiziarie, il Foro competente è quello di Roma.

    Articolo 16 – Responsabile del procedimento

    1. Per INPS – Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, il Responsabile del procedimento è la Dr.ssa Nicoletta Nicoletti – dirigente dell’Area Servizi di Welfare della Direzione Centrale Credito e Welfare.

    2. Per la Gestione Fondo IPOST il Responsabile del procedimento è la Sig.ra Mariella Chessa – funzionario del Coordinamento della Gestione speciale di previdenza del Gruppo Poste Italiane SpA e ASDEP.

    3. Per l’ Istituto di Previdenza e Assistenza per i dipendenti di Roma Capitale IPA il Responsabile del procedimento è il Dr. Andrea De Simone – Direttore Generale del medesimo Ente.

    Articolo 17 – Note informative

    1. Le famiglie dei giovani partecipanti sono invitate a consultare periodicamente il portale istituzionale www.inps.it e l’area riservata dei Servizi in linea, ove è possibile verificare lo stato di lavorazione della domanda, l’esito del concorso, l’assegnazione del soggiorno, date e orari dei programmi di viaggio, eventuali riammissioni ed ogni altra indicazione relativa al soggiorno.

    2. L’Istituto non risponde di quanto pubblicizzato all’interno dei siti internet degli operatori accreditati se difforme da quanto previsto nel Catalogo delle Opportunità.

    3. Per ogni informazione è disponibile il Contact Center, al numero verde 803 164 (da telefoni fissi) e al numero 06 164164 (da telefoni cellulari). Quest’ultimo servizio è a pagamento in base al piano tariffario del gestore telefonico del chiamante. Il servizio telefonico è sempre attivo con risponditore automatico 24 ore su 24; il servizio con operatore è attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.00 alle ore 20.00 e il sabato dalle ore 8.00 alle ore 14.00, festivi esclusi.


    Fonte: inps.it. Scarica il bando in formato .pdf